Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

26 octobre 2008 7 26 /10 /octobre /2008 17:15

2006dicembreroma

Il penalista on. Roberto Cota ha dichiarato in tivù che la scuola non deve essere uno stipendificio.
Ha ripetuto parola e concetto già usati dall'on. ministra Gelmini all'inizio di settembre.
Tradotti in pillole, significa che la scuola serve soltanto agli insegnanti per percepire lo stipendio.

Invidio le persone che con la loro acutezza riescono a giungere a siffatte affermazioni.

Il presidente emerito Francesco Cossiga ha invece detto in un'intervista che la scuola può servire allo Stato. Ecco come: "Bisogna infiltrare gli studenti con agenti provocatori pronti a tutto, e lasciare che per una decina di giorni i manifestanti devastino i negozi, diano fuoco alle macchine, mettano a ferro e fuoco le città [...] Dopodiché, forti del consenso popolare, [...] le forze dell’ordine non dovrebbero avere pietà e mandarli tutti in ospedale. Non arrestarli, che tanto poi i magistrati li rimetterebbero subito in libertà, ma picchiarli e picchiare a sangue anche quei docenti che li fomentano".

Berlusoni26102008Il 2 dicembre 2006 il centrodestra era sceso in piazza  San Giovanni a Roma "per mandare a casa Prodi". Parole di Silvio Berlusconi.
C'è tanta gente. Cito da "Repubblica, articolo di Clotilde Veltri.
Per Antonio Tajani, è "più di un milione" di persone. Per Bondi sono "due milioni". Infine per Berlusconi, "oltre due milioni". La piazza del cavaliere era più piccola del Circo Massimo di Veltroni di ieri.
(Ancora oggi qui, www.scendoinpiazza.it, si legge di 2 milioni e 200 mila persone presenti a San Giovanni: vedi immagine sopra...)

[26.10.2008, Anno III, post n. 326 (703), © by Antonio Montanari 2008]

gruppobloggerlastampa

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Informazione
commenter cet article

commentaires