Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

9 novembre 2008 7 09 /11 /novembre /2008 11:10
Un delizioso Pupi Avati ieri sera nella trasmissione di Fabio Fazio  su Rai3 ha raccontato alcuni momenti della sua vita, l'apprendistato artistico, ed il magistero musicale che i colleghi della sua band gli avevano affidato. In quest'ultimo aspetto, esilarante sino alle lacrime è stato il racconto dell'odio che lentamente cresceva in lui verso l'allievo assegnatogli e divenuto più bravo del maestro, Lucio Dalla (poi ospitato nella seconda parte della trasmissione...).

Voglio soffermarmi su un altro momento dell'intervista. Quando Avati ha chiamato Bologna una città provinciale.
Ho sgranato gli occhi. Ricordavo una frase di Federico Fellini: "Bologna...: per noi di Rimini era come Parigi, o Londra, forse New York. La metropoli sconosciuta".

Partendo da quella frase, nel 1990 scrissi sulla rivista romagnola "La piê" una "Lettera a Federico", in cui dicevo tra l'altro: "Credevo di appartenere a quella razza pigrona che Raffaello Baldini aveva fotografato nei versi di "Viazé", una pagina del "Furistir": "Vdài e' mond?/ che dòp t si piò patàca ca nè préima".
"Vdài e' mond?". Ma me, l'ho vest e' mond. Non lo sapevo, me lo hai fatto scoprire tu, Federico, attraverso quell'intervista. Tu che potresti troneggiare da nonno divertente, con quel sorriso da etrusco, fai sentire me (giunto all'età dei padri, verso i 50), come ragazzino che apre per la prima volta il libro della vita, e s'agita nella meraviglia di un'esclamazione. Ho visto il mondo, e non lo sapevo.
Sì, Bologna era il mondo. Vestivamo alla zuava...»
«Bologna, cioè il mondo»".

La frase di Avati dimostra che tutto è relativo. Per il cinema, c'era soltanto Roma ed era da conquistare, come aveva già fatto il Fellini giovanissimo scappando da Rimini...
Ma agli occhi nostri, Bologna rappresentava un grande centro del mondo, non come poteva apparire nella fantasia di Fellini, ma come era nella realtà dei fatti.

La mia Rimini sì che era provinciale... ma la racconterà altra volta.

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans antoniomontanari
commenter cet article

commentaires