Overblog
Editer l'article Suivre ce blog Administration + Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

4 décembre 2008 4 04 /12 /décembre /2008 11:36

Balnea.porto2893_1 Nel post dedicato al modo di dire "la serva di Zoffoli" ho citato Gianni Quondamatteo, che fu appassionato cultore di quella scienza che studia il dialetto e, attraverso di esso, disegna il ritratto di una società e di un mondo. E che non so come si possa battezzare. Non è soltanto folclore o linguistica.

Voglio ricordare che la produzione letteraria di Gianni nasceva talora in uno splendido isolamento campagnolo. Me lo descrisse suo fratello, Curzio, che era amico di famiglia e di professione macellaio nel vecchio mercato all'aperto.
Intimamente Curzio era la reincarnazione di un qualche antico filosofo. Con la massima discrezione, e senza nessuna pretesa intellettuale, adoperava il buon senso della gente comune: per fulminare in una breve sentenza tutto il succo di lungo discorso.

Quando fu in pensione, lo incontravi d'estate e d'inverno sul porto. Nella buona stagione faceva il bagno, o lungo il canale o fra gli scogli (con la solita compagnia).
Quando era inverno se ne stava seduto sulla sua bicicletta sportiva, aspettando il transito di amici e conoscenti. Con i quali si apriva alla discussione.
Gesticolava, mentre parlava. Muoveva le mani con la stessa tecnica con cui avrebbe pulito una bestia delle interiora. Tirava fuori da sé in tal modo osservazioni sempre originali. Pescava nell'addome, e nel petto vicino al cuore, mai che avesse messo un dito accanto al cervello per dire "quanto sono intelligente". La sua modestia era pari all'acutezza del suo discorrere.

Lo vidi diventare serio soltanto quella volta che, dopo una lunga assenza, gliene chiesi il motivo. Era stato con Gianni nel ritiro di campagna: "Eh, lo e' scriv, e me a faz da magné".

Quindi se il cibo ha un significato nell'espressione del pensiero (e se l'uomo è ciò che mangia, come diceva quel tizio dell'Ottocento), allora un po' di merito della grandezza di Gianni va accreditato a Curzio.

Lo ricordai, Curzio, in un articolo che parlava della scomparsa di Demos Bonini. E che pubblico in questa pagina del blog.
Scrissi: "È un altro pezzo di una certa Rimini che scompare, a pochi giorni dal decesso di Glauco Cosmi (attento tessitore di trame culturali che spaziavano dal giornalismo alla musica), e nello stesso anno in cui ci ha lasciati Curzio Quondamatteo, uomo così semplice e genuino da ricercare in ogni attimo uno spazio per la riflessione sui valori che si vedono tramontare, in questa città divenuta alienante e quasi invivibile".

Quell'articolo fu poi pubblicato in un libro dedicato a Bonini. Ma il curatore che non conosceva Curzio, cambiò il suo nome e lo sostituì con quello di Gianni...
Ciao Curzio, dovunque tu sia, ti mando questo ricordo sincero.


La foto del porto di Rimini è di Davide Minghini, dal sito "Balnea".

Partager cet article
Repost0
Published by antonio montanari - dans Rimini