Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

10 mars 2009 2 10 /03 /mars /2009 15:40
Moroblog10032009 Virginio Rognoni, ministro dell'Interno fra 1978 e 1983, ha scritto domenica scorsa sul "Corriere della Sera" un pezzo che merita di essere ripreso.

Partendo dal finanziamento pubblico per un film sugli anni del terrorismo in Italia, Rognoni tratta di una questione fondamentale, oscurata da chi allora sparava contro i "servi dello Stato": la "tenuta democratica del Paese". Tenuta che fu resistenza a quel terrorismo, e provocò la sconfitta della violenza.

L'Italia è uno strano Paese. Tutto è dimenticato, riciclato, mascherato. Dopo il 25 luglio 1943 nessuno era stato fascista, se non quei pazzi che poi aderirono alla Repubblica di Salò seminando altra violenza e altro sangue, e provocandone altro per le vendette sino a dopo la conclusione della guerra. Ciò non ha impedito a molti di loro di vivere gloriosamente come esempi perfetti di uomini democratici, sino addirittura per certuni al premio recente del laticlavio repubblicano.

Forse per queste caratteristiche italiche, ispirate ad un egoismo machiavellico (ma pure bertoldesco), i conti con la Storia da noi non sono mai fatti con un minimo di serietà, nella serena consapevolezza che tutto passa e la memoria è labile.
Restano sul terreno i martiri. Si chiamino essi soldati di Cefalonia, militari spediti in Russia o servitori di quello Stato che il terrorismo voleva distruggere, ebbro di ispirazioni leniniste spesso condivise da molti nelle premesse ma non nelle "espressioni" pratiche.

Ricordiamolo. Tanti "nipotini di D'Annunzio" (definizione credo di Leo Valiani), in quella che si chiamava allora sinistra extra-parlamentare, sostenevano essere il terrorismo un strumento utilizzato dalla classe dirigente al potere per soffocare le "lotte operaie".
Alla miopia di tanti giovani corrispondeva parallela se non addirittura convergente, quella di molta parte del mondo imprenditoriale che non sapeva leggere nelle questioni sindacali l'espressione democratica di settori dell'opinione pubblica altrimenti esclusi dalla partecipazione al dibattito politico. Fatto salvo il giudizio negativo sulle degenerazioni violente che anche in quella espressione democratica si dovettero allora registrare.

E poi ci furono anche le anime (in apparenza) candide e un po' troppo volpine (nella realtà) che si vantavano di una posizione terza, immacolata da ogni contagio, né con lo Stato né con le BR.
Nel lavoro quotidiano davanti al crollo delle vecchie certezze, dovemmo difendere (parlo, per esperienza personale, della scuola) non l'indifferenza sostenuta dai pensatori raffinati ed astratti,  ma lo Stato con la semplicità di chi non vedeva altra salvezza se non nella democrazia.

Ecco perché è nel giusto Rognoni quando richiama la "tenuta democratica del Paese" in quegli anni di piombo. Le cui vittime  dovrebbero essere ricordate non per chiudere la bocca a quanti allora usarono la ragione delle armi anziché le armi della Ragione, ma per riaffermare un principio fondamentale: non si possono confondere le vittime con i carnefici.
Possiamo cedere ai ciarlatani per altre cose, ma non su queste che debbono costituire la base della "memoria ufficiale" di uno Stato.

Rognoni parla di "memoria espressa condivisa". Da politico navigato sa che ciò va auspicato, ma spesso (forse sempre) non è possibile ottenere. Più modestamente, da cittadino qualsiasi ("semplice cittadino" dicevano una volta i giornali), ricorro ad una formula che può senza dubbio urtare, "memoria ufficiale".
Spiego quell'aggettivo: "ufficiale" perché lo vuole la Costituzione, lo vogliono le sue regole, il sacrificio di quanti, per far nascere quella Costituzione, persero la vita o lottarono con il silenzio del rifiuto o con le armi, contro i seguaci di una dittatura che costò tanto al nostro Paese.

La democrazia italiana nata dalla Resistenza, ha saputo sconfiggere il terrorismo, ci spiega giustamente Rognoni. E noi abbiamo oggi un capo del governo che, se non erro, non ha mai partecipato alle celebrazioni del 25 aprile. Non ce lo ha mai spiegato, ma un perché ci deve essere. C'è senz'altro. Assieme a quello della mancata risposta sulla questione. Nella Storia tutto si tiene. Ed è proprio un governo di centro-destra ad aver finanziato o a stare per finanziare un film come quello citato da Rognoni. Contraddizione? Forse fumo negli occhi per dimostrare che la violenza del terrorismo è la sigla etica di chi si oppone al volere dei capi che ci governano? Forse più che una domanda è la certezza di un diabolico piano contro quella "tenuta democratica" illustrataci giustamente da Rognoni.

[10.03.2009, anno IV, post n. 71 (791), © by Antonio Montanari 2009. Mail]

Divieto di sosta. Antonio Montanari. blog.lastampa.it
gruppobloggerlastampa

Sitemeter

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans antoniomontanari
commenter cet article

commentaires