Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

10 mars 2009 2 10 /03 /mars /2009 16:41
Arresto_blog10032009 "Folle, armato lasciato libero di uccidere". Il titolo che apre l'edizione nazionale della "Stampa" ha qualcosa di più del carattere locale. La tragedia è avvenuta a Torino. Ma è simbolo di una realtà nazionale. Quella di uno Stato malato d'inefficienza in cui il morbo provoca un contagio letale. Un padre ucciso, la figlia ferita gravemente.

Ma è lo stesso morbo che risalta nella prima pagina di "Repubblica" per una cronaca molto diversa, ma egualmente frutto di quell'inefficienza: "Così si moriva nella casa degli orrori". Una casa che è un istituto di ricovero, con dodici persone scomparse e quindi "possibili omicidi". Un ricovero "per derelitti e ripudiati di ogni specie". Simboli e vittime di uno Stato ormai derelitto e ripudiato da chi dovrebbe per dovere istituzionale farlo funzionare.
Non dateci dei pessimisti.

Sulla "Stampa" del 5 marzo Lucia Annunziata ha firmato un fondo molto onesto, "Giustizia è sfatta". Diciamo onesto perché non chiama in causa soltanto i guasti della macchina giudiziaria, con le indagini italiane "ampiamente carenti anche quando si tratta di crimini comuni". Ma coinvolge pure il mondo a cui l'autrice appartiene: "Troppo spesso noi giornalisti facciamo da acritica cassa di risonanza delle indagini. Una responsabilità che ci è stata già rinfacciata. E che ci prendiamo".

I quotidiani non sono una sacra bibbia. Per molti motivi. Non lo debbono essere per i lettori che vi si devono accostare con la consapevolezza che la "verità" di un giorno può trasformarsi in "bufala" la mattina successiva. Ma i quotidiani non debbono essere considerati portatori di valori assoluti anche da parte di chi li fa. "La Stampa" ha pubblicato un  articolo  di Sebastiano Vassalli su Leopardi che non leggeva bene il testo originale Ho inviato una breve e cortese lettera, ma non è stata pubblicata. Andava contro il parere di uno scrittore ovviamente considerato intoccabile, e nessuno poteva permettersi di documentare come esso fosse più che infondato, del tutto errato.

Pensiamo che se questo succede per una frase di Leopardi, ancor meglio può accadere per discorsi più seri. Per cui ha fatto bene Lucia Annunziata a scrivere che "troppo spesso" i giornalisti fanno "da acritica cassa di risonanza"... Non soltanto alle indagini, ma a ciò che politicamente sta loro dietro, ci permettiamo di aggiungere.

[10.03.2009, anno IV, post n. 72 (792), © by Antonio Montanari 2009. Mail]
Divieto di sosta. Antonio Montanari. blog.lastampa.it
gruppobloggerlastampa

Sitemeter

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Informazione
commenter cet article

commentaires