Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

31 mars 2009 2 31 /03 /mars /2009 17:10
Vecchio_dentro Berlusconi è costretto ad ammettere che una crisi economica c'è, e che quindi non si tratta di una malvagia invenzione dei giornalisti. Rassicura che nessuno "sarà lasciato indietro". Lo aveva già detto il suo ministro abate Tremonti, ripetendo un concetto caro al capitalismo compassionevole. Ma il cavaliere di suo ci aggiunge che nel fare ciò tradurrà "nell'economia la dottrina della Chiesa cattolica".

Inevitabili queste parole dopo l'incenso ricevuto dall'«Osservatore Romano» con l'elogio del Pdl quale maggior movimento politico italiano "in grado di esprimere i valori comuni della popolazione italiana, tra i quali quelli cattolici costituiscono una parte non secondaria".
Insomma con l'«Osservatore Romano» se non siamo all'Uomo della Provvidenza poco ci manca.

L'Osservatore Padano, quel comunistaccio di Dario Franceschini, ha invece infierito su re Silvio, definendolo "vecchio dentro". Si sente la suggestione della miss Chiabotto che reclamizza l'acqua che fa belli fuori e puliti dentro.

Le promesse odierne di Berlusconi sul tema della crisi sono forti: "Uno stato moderno non può disinteressarsi dei lavoratori. [...]  Terremo i contatti tra imprese e lavoratori, cosicchè alla fine della crisi potranno tornare. Poi interverremo con la cassa integrazione all'80% dello stipendio e con interventi che possono arrivare anche al 100%".

Sono promesse a cui il premier è stato costretto non tanto dall'accorgersi che era rimasto l'unico a parlare senza avere i piedi per terra ("Lavorate di più"... aveva suggerito anche a chi resta senza occupazione), quanto dalla sfida di ieri fattagli da Franceschini, tre dibattiti con gente vera: disoccupati, studenti ed insegnanti, imprenditori.

"Ci troveremo davanti due anni di difficoltà in cui dovremo rinunciare ad alcuni interventi", ha detto oggi. Domani non è un altro giorno. Domani è un altro problema. La crisi piegherà l'arroganza del cavaliere? O distruggerà soltanto quelli che lui considera i suoi "sudditi", cioè la stragrande maggioranza della popolazione?

[31.03.2009, anno IV, post n. 96 (816), © by Antonio Montanari 2009. Mail.]

[Tutti i post di questo blog sono "DOG" = "Documentazione di originalità garantita" dal "Consorzio invenzione produzione e consumo informazioni originalmente prodotte", in sigla: Cip&Ciop.]


Sorriso
Divieto di sosta. Antonio Montanari. blog.lastampa.it
gruppobloggerlastampa

Sitemeter
Taggatore

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans antoniomontanari
commenter cet article

commentaires