Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

10 mai 2009 7 10 /05 /mai /2009 15:01
Un perfetto ritratto di Sigismondo Pandolfo Malatesti ci è offerto da Bernd Roeck e Andreas Tonnesman in "Federico da Montefeltro. Arte, stato e mestiere delle armi" (Einaudi, aprile 2009), traduzione a cura di Sylvie Accornero di un testo apparso a Berlino nel 2005.
In un breve resoconto come il nostro, si può soltanto segnalare la rivalutazione del personaggio riminese, in passato ampiamente diffamato da Jacob Burchardt sulla scia di Pio II.

Burchardt aveva definito Sigismondo Pandolfo Malatesti come "delinquente" ed "audace pagano" (p. 112).
In questo nuovo testo (p. 114) invece giustamente si scrive che "le accuse che bollarono Sigismondo come eretico e pagano blasfemo erano del tutto campate in aria".

Sul Tempio riminese, leggiamo che alla sua origine c'è "un cristianesimo impregnato di erudizione antiquaria e di idee neoplatoniche. che si potrebbe definire di avanguardia". Infatti tale forma di cristianesimo anticipa un genere iconografico poi entrato a far parte della cultura religiosa della Chiesa romana (p. 114).

Circa l'origine di Sigismondo, lo si definisce figlio di "un'amante ignota".
Se la traduzione vuol significare che sua madre era un personaggio sconosciuto rispetto alle altre famose donne malatestiane del Quattrocento, il discorso fila.
Se invece sottintende che non se ne conosce il nome, va precisato che si tratta di Antonia da Barignano.
Antonia dette a Pandolfo III Malatesti anche un secondo figlio, Domenico (il quale si farà chiamare Malatesta Novello), nato sedici mesi dopo Sigismondo.

Nel 1421 Pandolfo III perde la signoria di Brescia, e decide di affidare Sigismondo e Domenico al proprio fratello Carlo Malatesti di Rimini, marito di Elisabetta Gonzaga.
Pandolfo III fa base a Fano e diventa capitano generale della Chiesa (1422) e di Firenze (1423), prima di morire a 57 anni il 4 ottobre 1427, durante un pellegrinaggio a piedi da Rimini a Loreto.

Sigismondo e il fratello sono educati personalmente da Elisabetta Malatesti.
Defunto Carlo (14.9.1429), il ruolo di Elisabetta nella vita di Sigismondo e Novello diventa ancor più fondamentale.
Carlo nel 1428 li ha fatti legittimare da Martino V, assieme al loro fratellastro Galeotto Roberto (1411-1432, nato da Allegra dei Mori). Nello stesso 1428 Galeotto ha sposato Margherita d’Este, figlia di Nicolò III signore di Ferrara.

Di Antonia da Barignano possiamo ipotizzare una silenziosa presenza accanto ai figli sino alla scomparsa di Elisabetta Gonzaga (1432). Se tollerata ed accettata, oppure soltanto ignorata, le cronache tacciono. Forse Elisabetta non volle privare Sigismondo e Novello della vicinanza della madre, che non considerava in contrasto con il proprio ruolo. Ad Antonia la cura degli affetti più intimi, a lei quella degli affari pubblici. Non un compromesso, ma un equilibrato progetto politico.

Alle due dame non dovettero far velo né gelosie né egoismi. Lo scopo era eguale per entrambe, far grandi i due fanciulli sbalestrati da Brescia a Rimini in quella corte che si offriva quale «magistra vitae», con le disavventure presenti ed i successi passati. In essa i due giovani eredi maturano tramite le conversazioni con i dotti di passaggio, ed i libri letti e commentati assieme ai famigliari. Con una naturalezza nata dal desiderio di affinare gli intelletti alle prove future.

Nel testo di cui stiamo riferendo, a proposito della biblioteca di Federico da Montefeltro si scrive che costui "fu tra i primi" ad aprirne una al pubblico: "si trattava di una strategia nuova che si rivelò vincente a lungo termine, perché rompeva risolutamente con l'idea superata di monopolio della conoscenza detenuto dai monaci e instaurava un'alleanza tra cultura, vita pubblica e potere. Da un lato faceva l'interesse degli umanisti, dall'altro corrispondeva al bisogno di legittimazione del sovrano moderno" (pp. 154-156).
Al proposito si cita la biblioteca malatestiana di Cesena ma non quella di Rimini, (*) dimenticata non dagli studiosi stranieri ma proprio da quelli locali che non l'hanno mai valorizzata.

Antonio Montanari
© RIPRODUZIONE RISERVATA

(*) Chi è interessato a ricevere il nostro testo "Novello Malatesti, scolaro a corte. Educazione umanistica e suo progetto della Biblioteca Malatestiana di Cesena", può scriverci all'indirizzo indicato nel blog. E' disponibile la versione aggiornata con un’appendice sulla BIBLIOTECA MALATESTIANA DI SAN FRANCESCO A RIMINI, la prima biblioteca pubblica d’Italia, che servì da modello ideale a Novello Malatesti per la gloriosa istituzione cesenate.




Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Rimini
commenter cet article

commentaires