Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

26 juillet 2009 7 26 /07 /juillet /2009 15:59
La notizia è stata data ieri sera da una tv locale, VGA. Alcuni giovani riminesi, di famiglia perbene, si "divertivano" dando la caccia ai trans.

Severi_rimini_stampa In un caso, avrebbero addirittura usato l'alcool per scherzare col fuoco, come già era successo per mano di altri ragazzi, nel novembre 2008. Quando un clochard, Andrea Severi, 44 anni, fu avvolto dalle fiamme mentre dormiva sopra una panchina.
In un altro blog, sotto il titolo "Divertirsi uccidendo?", scrissi un commento che riproduco qui in fondo.

Davanti all'episodio presentato ieri dalla tv locale, viene il dubbio che il concetto di "divertimento" questa volta sia insufficiente, e debba essere sostituito da qualcosa di ancora più grave, come la volontà di realizzare "ronde" anti sesso, non per passare il tempo ma per ripulire le strade dal "vizio".

Nel qual caso, scatterebbe inevitabile anche il discorso sull'imitazione politica di tanti discorsi fatti dagli adulti in questi ultimi tempi.


ARCHIVIO:

25 novembre 2008, Divertirsi uccidendo?

L'hanno fatto per "divertirsi". Tentato omicidio di un barbone con le fiamme...
Discutete pure della crisi dei valori, del vuoto di questa società, e di tanti bei temi da intellettuali come li chiamano nella mia città (Rimini, il luogo dove tutto ciò è accaduto). Ma io non ci credo. Non credo che a quel "vuoto" declamato non corrisponda un'idea, un'immagine. Un progetto. Per cui si disprezza un altro uomo e si cerca di ucciderlo soltanto perché è un clochard.
L'uomo è un animale politico. Che a vent'anni si dichiari che ci si voleva soltanto divertire, forse è semplicemente il comodo paravento per nascondere le scelte dell'animale politico.
Avallare quelle dichiarazioni significa prendere una scorciatoia per negare le evidenze.
A vent'anni i giovani normali si "divertono" altrimenti. Tirare petardi ad un poveraccio e poi dargli fuoco, è qualcosa che il mondo adulto dovrebbero leggere con un occhio meno rassegnato al verbale di polizia.


11 novembre 2008, La prova del fuoco


La foto si riferisce al caso di Andrea Severi, fonte "Stampa".

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Rimini
commenter cet article

commentaires