Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

16 mars 2010 2 16 /03 /mars /2010 15:16
Il ministro Bondi accusa la sinistra di offendere il premier, e lui offende De Magistris

BlogB_gruber


Un amico straniero ha visto ieri sera la trasmissione di Lilli Gruber con un ministro dell'amore, quel Bondi serafico che predica amore ed offende gli avversari politici, come è successo appunto ieri sera nei riguardi di De Magistris.
L'amico straniero mi ha detto: considera come sia pacifico quel De Magistris che appartiene alla schiera dei politici di governo, e come sia invece infuocato di odio il comunista Bondi.

L'amico straniero ovviamente ha fatto un po' di confusione. Quel Bondi che dava del tre, quattro volte ignorante a De Magistris, non è un comunista, gli ho detto, ma lo è stato in passato. Non è uno del partito dell'odio bolscevico di cui parla il cavaliere, ma è un pezzo da novanta del partitone dell'amore berlusconiano.

All'amico straniero poi ho letto quello che scrive oggi "Il bolognino", la rubrica di satira nelle pagine bolognesi di "Repubblica".
Vi si riportano le parole di Sandro Bondi sulla situazione al Comune di Bologna: "Il commissario assicura un'amministrazione migliore migliore di quella di un sindaco democraticamente eletto dalla sinistra".
Prosegue "Il Bolognino": "Così parlò Sandro Bondi, democraticamente eletto sindaco (Pci) nel 1989 a Fivizzano (Massa Carrara)".

BlogB_titoli

L'amico straniero ha commentato: Berlusconi ha sempre ragione, i comunisti come Bondi non cambiano mai, restano bolscevichi nell'anima.
E' faticoso spiegare a chi non abita in Italia, che il problema della nostra politica è sempre stato doppio: "Si è sempre quello che si nasce e si diventa quello che si è stati".

Non so cosa voglia dire, ma è una bella formula politica, che in quanto tale non abbisogna di una spiegazione logica, al pari della linea a zig-zag di Pierferdy Casini, "Oggi qui, domani là", come Patty Pravo in quella vecchia canzone. Diamo la colpa agli "avversi numi", e chiudiamola qui.

I titoli riportati in immagine sono presi dal sito del "Corsera" di oggi.

[16.03.2010, anno V, post n. 82 (1173), © by Antonio Montanari 2010. Mail.]

Divieto di sosta. Antonio Montanari. blog.lastampa.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA[/COPYRIGHT]

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Informazione
commenter cet article

commentaires