Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

7 octobre 2009 3 07 /10 /octobre /2009 17:30
Ultim'ora, 17:58. Incostituzionale, il lodo Alfano

Incostituz

Il lodo serve a nascondere profili censurati del premier (17:30)


071009_blog_ghedini


Insomma questo "lodo Alfano" è stato confezionato per quattro persone che sono ai vertici dello Stato, o soltanto per una di loro, il capo del governo?
I suoi avvocati lo hanno detto in parole chiare: chi siede a palazzo Chigi deve dormire sonni tranquilli (con chi?).
Gli altri invece possono pure fare sogni agitati, perché soltanto Lui è il "primus super pares".
La frase ad effetto è dell'avv. Pecorella, mentre l'avv. Ghedini ha vivisezionato la dottrina costituzionale per concludere che "La legge è uguale per tutti, ma non lo è la sua applicazione".

Non è il caso di inchinarsi davanti al principe del foro  Ghedini che vuol prenderci in giro. La forma è la sostanza. Ovvero se uguaglianza c'è nei principii teorici (forma), deve derivarne di conseguenza altrettanta uguaglianza nelle applicazioni pratiche (ovvero la sostanza).

La foga dell'avv. Pecorella teorizza una contraddizione comica ("primus super pares") rovesciando come un vecchio cappotto sdrucito l'aurea massima del "primus inter pares". Se non si temesse di offendere la memoria del principe Antonio De Curtis, si potrebbe pensare che sembra di assistere ad una scenetta del grande Totò.

Morale della favola (mentre scriviamo, alle 17:30, non sappiamo come si è pronunciata la Corte costituzionale), il lodo Alfano appare come un burqa fatto indossare al presidente del Consiglio per nascondere certi profili del personaggio non propriamente ben accetti da parte della Magistratura.

Contro Berlusconi ha appena parlato Montezemolo ("Non c'è complotto"). Bossi ha minacciato la rivoluzione in caso di bocciatura del lodo. Anche a nome di Fini ha detto di non volere nuove elezioni. Lui e Fini mirano non ai seggi ma al seggio più alto. Togliere la poltrona al cavaliere e fare, loro due, un nuovo governo di destra.

[07.10.2009, anno IV, post n. 288 (1008), © by Antonio Montanari 2009. Mail.]

Divieto di sosta. Antonio Montanari. blog.lastampa.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans antoniomontanari
commenter cet article

commentaires