Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

11 novembre 2009 3 11 /11 /novembre /2009 15:51
Grande trasformista nei suoi ruoli. Con qualche stranezza costituzionale

Blog_11_11_09


Dunque, quanti sono i Fini che appaiono alla ribalta politica e mediatica?

C'è lo scrittore che in tv presenta il suo manuale pedagogico per i giovani che oggi hanno vent'anni. È il Fini il quale dice che il suo partito (suo ovviamente nel senso di partito di Berlusconi...) non è una caserma.

Ovvero, ed ecco il Fini strettamente politico, che lui non accetta passivamente le proposte di Berlusconi come imposizioni davanti alle quali mettersi sull'attenti.

Poi c'è il Fini che è il più importante di tutti, davanti agli occhi della Storia. Il presidente della Camera dei deputati. Ovvero la terza carica dello Stato, dopo il presidente della Repubblica e quello del Senato.

Sino all'ingresso in politica di Berlusconi, i ruoli di un presidente della Camera sono stati improntati a rappresentare tutti i partiti presenti nello stesso ramo del parlamento. Fini ne è consapevole, e lo ripete spesso.

Ma poi, passando dalle parole ai fatti, sembra contraddirsi. Perché "una volta" non si vedeva il presidente della Camera discutere questioni legislative con il presidente del Consiglio calato nella sua funzione di capo del partito in cui entrambi militano.

Minzolini non se ne potrà mai accorgere, oppure non potrà mai dirlo: ma questo è un vero e proprio "vulnus" alla Costituzione scritta ed a quella praticata.

Fini come Fregoli o Brachetti, cambia abito uscendo da una porta e rientrando in scena da un'altra. È il sistema teatrale imposto da Berlusconi: per arrivare dove? Alle leggi che lo interessano...

Come è accaduto nel caso del colloquio di ieri, burrascoso a quanto si legge nelle cronache odierne.
Ma i contrasti sono apparenza, ciò che conta è la sostanza che abbiamo descritto, l'anomalia del presidente della Camera che contratta con il capo del governo una questione esclusivamente connessa ai loro ruoli politici all'interno di un partito. E non ai ruoli istituzionali ovvero costituzionali.

Nascosto dietro l'angolo della satira dei comici, infine c'è un Fini alla quarta incarnazione, che li riassume bravamente tutti e tre, il capo futuro del Pd... Ma questo aspetto forse non dipende soltanto dai comici.

[11.11.2009, anno IV, post n. 326 (1046), © by Antonio Montanari 2009. Mail.]

Divieto di sosta. Antonio Montanari. blog.lastampa.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Informazione
commenter cet article

commentaires