Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

25 novembre 2012 7 25 /11 /novembre /2012 18:07

La ministra degli Interni Anna Maria Cancellieri ci aveva preso il 22 novembre dicendo d'avvertire il rischio d'infiltrazioni violente nelle manifestazioni studentesche. Aveva precisato che pensava ai "movimenti antagonisti". Che, aggiungo, vedono nel menar le mani lo strumento per realizzare una rivoluzione. Non dico "la rivoluzione", perché ce ne sono di diverso orientamento politico, e quindi se usiamo l'articolo determinativo dobbiamo poi chiederci se sia di destra o sinistra. Noi italiani un po' vecchi sappiamo che il mostro anarchico per le bombe di Piazza Fontana a Milano il 12 dicembre 1969, non c'entrava nulla in quella terribile storia.
Se restiamo sul generico, parlando del sogno o progetto di una (qualsiasi) rivoluzione, lo facciamo a ragion veduta, avendo letto una cronaca di Marco Ludovico nel Sole 24 Ore di domenica scorsa, sui cortei romani del giorno prima. Gli osservatori più attenti della Pubblica sicurezza si stanno ponendo un altro tema, dopo che tutto è filato liscio: "La suggestione di una regìa occulta dietro i movimenti violenti di piazza da oggi è diventata più forte".
L'augurio che facciamo a tutti noi, è che quella suggestione convinca a cercare, vicini o lontani, quanti hanno interesse a trasformare i cortei che possono andare tutte le volte lisci, in qualcosa di troppo gasato da provocare guasti politici. Sui giornali del 23 novembre, le cronache da Roma hanno offerto qualcosa di terribile. Il tifoso di una squadra di calcio inglese è stato ridotto in fin di vita, e cori antisemiti hanno accompagnato la partita della Lazio. Tutto è accaduto in uno strano modo. La caccia all'uomo è andata avanti per venti minuti, prima dell'intervento delle Forze dell'ordine.
Dopo i cortei lisci del 24, la ministra ha detto che la democrazia aveva vinto. Ma non tutti erano egualmente soddisfatti. Uno dei più noti editorialisti del CorSera, Antonio Polito, il 25 sotto un titolo potente e gasato (ma si sa, la colpa non è sua: "Gli studenti disobbedienti ai profeti dei disordini") osservava che in piazza c'erano stati degli estremisti, "gente abbastanza in là negli anni" che sfilava al grido di "È finita la pazienza, insegniamo disobbedienza". I maestri di disobbedienza civile non sono mai stati cattivi maestri, perché essa in certi passaggi della Storia si offre come una virtù. Polito invece fa il profeta di sventura. Imita il ministro Maroni che spaventava, ipotizzando atti di terrorismo internazionale. [Anno XXXI, n. 1105]

Antonio Montanari
(c) RIPRODUZIONE RISERVATA
"il Ponte", settimanale, n. 43, 02.12.2012, Rimini

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans il Ponte Rimini
commenter cet article

commentaires