Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

23 avril 2010 5 23 /04 /avril /2010 15:25
Le immagini alle tv da quella del partito, dice la ministra Carfagna




La ministra Carfagna ha spiegato in Rai che tutte le immagini del litigio tra Berlusconi e Fini di ieri, sono state fornite dalla tv di partito. Così crediamo di aver compreso, con meraviglia perché ritenevamo che fossero considerate tv di partito le tre personali del premier più il tg1 di Minzolini. E che quindi non fosse necessaria un'altra struttura che gentilmente fornisse la cronaca dell'evento alle singole reti, pubbliche o private.

Carfagna_berlusconi

 

La signora Carfagna ha citato il particolare con lo scopo di dimostrare che nel partito nessuno si vergogna di quello che è successo, in base al fatto che tutto quanto è avvenuto ieri è stato trasmesso urbi et orbi.

Per la verità pare che non tutte le reti televisive personali del premier abbiano garantito un'informazione adeguata all'evento. Né potevamo attenderci che Emilio Fede rimanesse freddo e neutrale, altrimenti non saremmo più in Italia.

Carfagna_aprile

Dato che ogni pensiero ha un suo retrogusto, così come ogni nascita ha il suo concepimento, è proprio il concepimento del pensiero della ministra Carfagna che impressiona. Perché esso, rappresentando la telecronaca del litigio fra premier e presidente della Camera come graziosa concessione da parte del partito, fa immaginare anche l'ipotesi contraria: di un fatto pubblico come una discussione politica all'interno di un partito (nessuno può pensare che sia un incontro privato...), potevamo anche far finta di nulla e tenere tutto nascosto.

La signora Carfagna voleva apparire magnanima, ma ha soltanto suggerito la conferma della linea politica del suo partito: quello che succede, è tutto grasso che cola, perché il potere è nostro e ce lo gestiamo noi come vogliamo. E' stata proprio la constatazione di questo atteggiamento (la concezione padronale della politica che nutre ed illude Berlusconi) che ha inquietato il presidente della Camera fino a farlo esplodere davanti a tutti contro il cavaliere. Checché se ne possa pensare, ci sarà qualcuno che potrà dire che siamo addirittura entrati nella quarta repubblica. Più che innestare la quarta, hanno avviato l'Italia in una pericolosa retromarcia.

[23.04.2010, anno V, post n. 97 (1188), © by Antonio Montanari 2010. Mail.]

Divieto di sosta. Antonio Montanari. blog.lastampa.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA[/COPYRIGHT]

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Informazione
commenter cet article

commentaires