Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

1 septembre 2010 3 01 /09 /septembre /2010 16:34

Marchionne, la Cina e la gallina Elena

La ricetta illustrata da Sergio Marchionne al Meeting si riduce ad una massima facile da mandare a memoria: "Adeguarci al mondo che cambia". Il problema da risolvere sta nella sua applicazione. Marchionne è laureato in Filosofia (a Toronto), quindi sa di che parla quando tira in ballo la parola mondo. Quella sua massima sottintende due aspetti.
Primo. L'Italia non fa parte di quel mondo, al quale è invece chiamata ad adeguarsi. Da noi ci sono troppi privilegi e poco impegno produttivo da parte degli operai. Secondo aspetto. Quel mondo a cui dobbiamo guardare non soltanto per imitarlo, ma soprattutto per toglierci i grilli dalla testa, è il mondo della globalizzazione. Con lavoro a basso costo, e soprattutto senza attenzione alla tutela sociale dei lavoratori ed alla loro condizione economica.
Potremmo ricordare due questioni. Una geografica. La Cina (dove si lavora 12 ore al giorno) secondo gli esperti procurerà qualche grattacapo al sistema Marchionne. Ed una questione storica. Il lavoro senza regole c'era già nell'Ottocento, basta un nulla per riportarlo alla luce. Da noi in Romagna siamo già sulla buona strada. Ci sono cameriere d'albergo che, in servizio dalle 6, neppure alle 15 sono autorizzate dal padrone a pranzare.
Uno scrittore riminese al debutto, Paolo Grossi, nel romanzo "Lontano, immobile, immenso" (ed. Albatros), racconta la vita d'un pollaio. La gallina Elena riassume: una volta di notte stavamo in una gabbia di rete arrugginita, a rischiar la vita per il freddo o per i predatori. Un giorno ci mettiamo al riparo della pioggia in una cesta di legno portata dal vento. Contrastiamo il padrone, rifiutiamo d'andare nella gabbia e così siamo all'asciutto pure di notte. Lotta per la sopravvivenza, la chiamano. La favola costruita con precisione da Grossi, narra di questa lotta, insinuando il dubbio sul concetto di mondo sin dalle prime pagine. Il gallo s'avvede che il suo canto non regola i tempi cosmici facendo alzare il sole, ma è una banalissima sveglia.
Marchionne suggerisce di adeguarci al mondo. Quello delle 12 ore cinesi. L'Italia c'è vicina. Sta in coda nel sostegno alla famiglia (fonte: ministero Economia). Ha oltre 500 mila posti di lavoro in bilico (Repubblica). Nasconde "sotto il tappeto i racconti scomodi della crisi" e del "coraggio della miseria di chi chiede aiuto" alla diocesi milanese. Che nei primi nove mesi del 2009 ha erogato 9 milioni a 3.000 famiglie (A. Bonomi, Il Sole-24 ore). [1006]

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans il Ponte Rimini
commenter cet article

commentaires