Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

26 janvier 2011 3 26 /01 /janvier /2011 17:54

Tama 1025, 30.01.2011
Nostre mafie, scritto dal 1990

Un recente volume di Enzo Ciconte racconta la 'Ndrangheta padana dal 1990. Rimini, pur essendo in Romagna e non in Lombardia, rientra in quel discorso proprio dal 1990, anno in cui nel Ponte pubblicai alcuni articoli relativi al tema, come risulta anche dal mio libro (1997) sul nostro giornale fra 1987 e 1996 (pp. 119-121). 
Appunto per il 1990 scrivo: "La droga che arriva in Riviera è collegata alla camorra di Napoli e Milano". La Polizia di Bologna non ha dubbi: "Sulla Riviera romagnola sono sempre più numerosi i tentacoli delle organizzazioni criminali siciliane. La mafia investe sulla costa". E Rimini era diventata base per il riciclaggio di denaro "sporco", e nascondiglio per latitanti e banditi accusati di feroci rapine. Secondo il magistrato riminese Roberto Sapio, aggiungevo, la nostra città aveva avuto un passato "di smistamento della droga e di possibile riciclaggio del cosiddetto denaro sporco".
Il Questore di Forlì non era d'accordo: "La presenza di qualche latitante oppure di banditi siciliani non significa che la mafia sia radicata in Riviera". Nel Tama 362 (settembre 1990) gli indirizzai una lettera aperta, partendo dalla sua solita battuta che Rimini non era Palermo: "Lei sostiene che fenomeni mafiosi, da noi, non esistono. Nessuno può darle torto, anche se molti nutrono forti dubbi in proposito. Tutto sta, forse, nell'intendersi sulle parole. Mafia, camorra, 'ndrangheta sono marchi registrati di cui è vietata l'importazione? Oppure sono tendenze, 'suggerimenti' che qualcuno potrebbe raccogliere e poi sviluppare a proprio piacimento? [...] Il suo ottimismo, signor Questore, non sembra venir meno neppure davanti al fenomeno della criminalità organizzata: che esiste, e lei lo ammette, ma per tranquillizzare tutti noi, quasi a volerci fornire una camomilla per via giornalistica, lei precisa sùbito che di piccola criminalità si tratta, non di quella grande, presente in altre parti d'Italia".
Passiamo ai nostri giorni. Nel maggio 2010 Andrea Gnassi, a proposito di mafia e camorra in Riviera, parla del rischio di "fatti evocati e denunciati ma difficilmente rintracciabili". Gli ricordo che il sen. Carlo Smuraglia (Pds) della Commissione antimafia già nel 1994 aveva spiegato: "In Romagna è ben presente la mafia che lavora in camicia e cravatta", più difficile da combattere di quella che spara. Smuraglia fu estensore per la Commissione antimafia del dossier sugli insediamenti mafiosi in "aree non tradizionali". [1025]

Dossier Mafia 2010

Antonio Montanari
(c) RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Ponte, Rimini, 30.01.2011

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans il Ponte Rimini
commenter cet article

commentaires