Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

1 avril 2013 1 01 /04 /avril /2013 14:27

La discussione in Consiglio Comunale sulla cosiddetta variante delle Celle (nei pressi della rotonda di via Bagli) per rendere "al minuto" una struttura commerciale autorizzata "all'ingrosso", ha messo in luce, attraverso gli interventi di consiglieri di maggioranza e di opposizione (uno), come la zona sia afflitta da un traffico caotico, per usare un termine, se non ricordo male, proposto da uno degli stessi oratori.
Inutile, a questo punto, fare un processo al passato, resta soltanto da augurarci che gli amministratori comunali sappiano decidere per il meglio, il che sembra ora un'impresa quasi impossibile, non per sfiducia nei loro confronti, ma soltanto per l'evidenza dei fatti che si sono "aggravati" con la notizia che il ponte sul Marecchia, sostitutivo di quello di Tiberio da pensionare, potrà essere realizzato in tempi brevi sulla via Tonale che scaricherà tutto il traffico verso la via Bagli e la sua infelice rotonda, già processata in Consiglio comunale per la questione ricordata all'inizio.
A questo punto, nessuno potrà più prendersela con nessuno. La Giunta Gnassi non ha altre scelte. È con le spalle al muro, ed è costretta a pagare per colpe non sue. L'assoluzione della Giunta non significa però pure il perdono politico per chi ha amministrato Rimini in tutti questi anni. È un discorso amaro e triste perché il sottoscritto non ha le nostalgie canaglie mostrate dall'opposizione di destra al Sindaco, e soprattutto perché questa "crisi" amministrativa ricaduta sulle spalle della Giunta Gnassi, appare in tutta la sua pesantezza proprio nel momento in cui lo stesso partito principale a Rimini, è con le spalle al muro a Roma nella crisi politica (senza virgolette rivolte ad attenuare il senso dell'affermazione), che è quella del Pd del buon Bersani.
Per non farla troppo lunga, richiamo soltanto un recente, articolato intervento sulla stampa cittadina della signora Manuela Fabbri, che riassumo in una sola battuta: il Pd riminese si presenta ufficialmente soltanto come erede del vecchio Pci. A quanto scritto per diretta conoscenza dei fatti dalla signora Fabbri, si potrebbe aggiungere una non insignificante curiosità: mentre il sen. Sergio Zavoli a Ravenna ha letto al presidente Napolitano una pagina sul partigiano Bulow scritta da un autore riminese, qui a Rimini la nuova edizione di quella pagina non è mai stata presentata nelle apposite istituzioni in mano agli eredi del vecchio Pci, perché il suo autore, già da tempo scomparso, era stato inserito all'Indice dal Pci in quanto "uscito a sinistra" nel 1956 per i fatti d'Ungheria, ed aver poi aderito a Rifondazione.
Se non hanno funzionato i piani urbanistici, la memoria politica degli eredi del Pci nella linea denunciata dalla signora Fabbri, non ha avuto esitazioni.

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Rimini
commenter cet article

commentaires