Overblog Suivre ce blog
Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

28 octobre 2006 6 28 /10 /octobre /2006 17:13
Il precedente post dedicato alla Giustizia miope ha ricevuto un commento che merita di essere riproposto qui come articolo a sé stante. Me lo ha inviato un lettore:

«Non entro in dettagli perchè sarebbe troppo lungo. Comunque io mi sono fatto due mesi nelle patrie galere per un reato finanziario ai danni dello Stato. Reato che non avevo commesso. Solo due mesi perché poi il mio avvocato è riuscito a farmi uscire.

Dopodiché ho cercato di farmi pulire la fedina penale. La prima istanza è stata respinta per un qualche cavillo, pur ammettendosi che non avevo commesso alcun reato. Avrei dovuto proseguire sobbarcandomi ulteriori spese e dovendo alla fine forse ricorrere alla Corte europea. Ho lasciato perdere.
Tra loro non si danno mai torto, statene certi. Guardate un po' se quel P. M. che ha fatto condannare Tortora ha avuto problemi: no, continua imperterrito la sua carriera.
Questa si chiama mafia, e questi dovrebbero difenderci dalla mafia.
Per bene che vada ci difendono dai ladri di polli, oppure condannano qualche assassino se e soltanto se è un'assassino qualunque.»

Fin qui il commento ricevuto dal nostro lettore.
La cui testimonianza rientra in quell'ampio quadro di drammatiche e dolorose esperienze sulle quali non bisogna chiudere gli occhi ed allentare l'attenzione.
Al proposito invito quanti frequentano il mio blog ad intervenire ulteriormente se hanno altre argomentazioni da proporre.
Quando sentiamo un racconto di queste vicende, non dobbiamo dire mai che si tratta di un caso individuale... La Storia è fatta di una serie di casi isolati che sommandosi permettono di raccontare le «situazioni» storiche.
In questo modo anche il nostro «mondo blog» può svolgere una funzione sociale.

Questo post su legge anche qui.
Repost 0
Published by antonio montanari - dans antoniomontanari
commenter cet article
24 octobre 2006 2 24 /10 /octobre /2006 17:25

Dovrebbe essere cieca come la fortuna. Ma la Giustizia italiana appare miope. Non vede bene, quando guarda in faccia a qualcuno. Le sfugge il quadro d'assieme, per cui viene a mancare al suo compito.
È tardiva, lenta, incerta, contorta, non è giusta la nostra Giustizia. Riforma e controriforma, leggi vecchie e disposizioni nuove, tutto alimenta il sacrosanto giro autoreferenziale di chi detiene un Potere, e lo esercita non a vantaggio della collettività ma del Potere stesso.
Le due classi nobili della Giustizia, magistrati ed avvocati, si passano la palla, recitano la stessa commedia umana. Il dramma degli imputati che non hanno né soldi né alleanze di potere non interessa a nessuno. Ed allora non chiamiamola Giustizia, ma burocrazia della legge penale.
La Giustizia italiana è un labirinto in cui sopravvive soltanto chi, magistrato o avvocato, conosce le strade per uscire dallo stesso labirinto, ed accompagna chi «può» essere accompagnato. Gli altri sono numeri e non persone.
L'Italia resta pur sempre il Paese degli Azzeccagarbugli, alcuni con la toga da magistrato, altri con quella d'avvocato. Siamo ad uno stadio storico che esisteva prima di Beccaria, prima del 1789, prima del mondo moderno. Siamo in un eterno medioevo. Ahinoi.

Questo post si legge anche in blogs.it, a questo indirizzo:
http://ilrimino.blogs.it/2006/10/24/giustizia_miope~1256737
Repost 0
Published by antonio montanari - dans antoniomontanari
commenter cet article
21 octobre 2006 6 21 /10 /octobre /2006 15:52

Tra Verona e Vicenza si è consumata una bella sagra politica. In realtà a Verona si doveva parlare soltanto di Religione, ma si sa come vanno certe cose.
Oltre al presidente del Consiglio, è arrivato pure il capo dell'opposizione. Fischi per il primo, investitura popolare per il secondo, con un'aggiunta fuori programma.

Infatti Berlusconi l'altro ieri, invece di andare soltanto ad ascoltare, ha fatto una dichiarazione d'intenti per applaudire al pontefice, e per attirarsene le simpatie, dicendo che fa bene il papa ad opporsi a tutto questo modernismo di gente che ragiona soltanto in termini di scienza e che non s'accorge di come in Occidente stiamo per essere soffocati dai popoli non cristiani.
L'elogio testuale di Berlusconi al papa citava la «difesa della libertà cristiana di Benedetto XVI di fronte al relativismo scientista e al fondamentalismo religioso».

Poi Berlusconi stamani è andato a Vicenza dove ha proclamato il verbo non troppo nuovo: cacciare l'infedele di pazzo Chigi, ovvero Romano Prodi.
A Roma contemporaneamente il papa lanciava un nuovo allarme: l'Occidente sta attraversando «una drammatica crisi di cultura e di identità».
Per i fedeli non di Roma ma di Arcore sarà facile associare l'immagine della crisi occidentale con quella del professore di Bologna, ex ‘allievo’ del cardinal Ruini. Il quale a Verona proprio ieri ha detto che è stato «mancato in larga misura l'obiettivo» dell'unità dei cattolici in politica.

Spaventa l'immagine dolorosamente pessimistica che non i politici ma gli uomini di Chiesa stanno lanciando in questi ultimi tempi, dimenticando la regola prima della Religione: Dio opera nella Storia, e quindi dovremmo stare in silenzio ad ascoltare il Suo modo di parlare.
Invece si fanno le kermesse con le «aggiunte» politiche come a Verona, veramente pericolose perché sono una degenerazione utilitaristica. Da un canto ci sono i politici che chiedono visibilità e ricompense elettorali. Dall'altra i porporati che dicono di non interessarsi alla Politica, eppure parlano ai politici.

Il Vangelo reca parole comprensibili da parte di tutti. I teologi usano definizioni che il senso comune non percepisce. Ma è ancora vera Religione questa?
I primi ad arrivare alla grotta di Betlemme sono stati i poveri, ignoranti, emarginati pastori. Gli ultimi della società sono diventati i primi della Religione.
A Verona non c'erano i pastori della grotta di Betlemme, c'erano quelli (con anelli e croci d’oro) della silenziose stanze curiali e vaticane.

La Chiesa non fa politica, ha detto il papa ed il cardinale Ruini ha aggiunto che è fallita l'unità dei cattolici in politica.
La distinzione tra le due affermazioni è comprensibile soltanto da parte dei teologi, neppure i politici ci arrivano.
In concreto le singole Curie fanno politica e non cercano nessuna unità. Ovvero spacciano per unità gli interventi a gamba tesa che i gruppi di potere all'interno delle Chiese locali attuano per eliminare ogni dissenso, ogni confronto.
La diocesi della mia città, Rimini, ha affidato ad una nota casa editrice locale di destra, la pubblicazione di un testo ‘ufficiale’ sulle «sette» dove si parla anche delle erboristerie che diffondono idee ereticali...

Si legge anche qui:
blog.lastampa.it
blog.kataweb.it
antomontanari.blogs.fr
Repost 0
Published by Antonio Montanari Nozzoli - dans antoniomontanari
commenter cet article
21 octobre 2006 6 21 /10 /octobre /2006 12:03

Benvenuti in questo blog che fa parte del sistema di comunicazione «il Rimino-Riministoria» attivo su Internet dal 30 agosto 1999.
Repost 0
Published by antonio montanari - dans antoniomontanari
commenter cet article