Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

1 novembre 2012 4 01 /11 /novembre /2012 17:40

Non c'è ottimismo in giro. Il giurista Guido Rossi nel fondo domenicale del "Sole 24 ore" del 28 ottobre, parla di due crisi: quella economica davanti agli occhi di tutti, e quella nascosta che si va accentuando fra i tre poteri della vita democratica, Governo, Parlamento e Magistratura. Rossi fa un'amara previsione: con la conflittualità, quei poteri si vanno dissolvendo. Per le prossime elezioni, egli auspica che i cittadini rifiutino "che qualcuno imponga loro come devono votare e per chi, quasi che la lotta democratica non conti". Secondo Rossi sono evidenti i segni del risveglio, contro un'omologazione qualunquistica, "così come negli altri momenti difficili della vita del Paese".
Auguri, Italia, sperando che Rossi alla fine abbia ragione. I segni attuali non incoraggiano. Sabato 27 ottobre il presidente del Consiglio Monti ha detto che in passato si son fatte troppe promesse, senza poi mantenerle. Mercoledì 24 pure il presidente della Repubblica non era stato molto ottimista: non basta migliorare la legge elettorale per avere un "governo stabile che è sempre frutto di accordi politici". In passato aveva sollecitato a modificare quella legge. Ora ripropone il modello del governo Monti, scelto da lui e non attraverso le urne. Napolitano ha certificato la crisi della Politica italiana, degenerata nei recenti, nuovi scandali, prodotti da un solo principio egoistico: ci si fa eleggere per far soldi.
Sullo sfondo delle dichiarazioni di Napolitano del 24, c'è nello stesso giorno l'uscita di scena annunciata da Berlusconi, su ispirazione e testo di Giuliano Ferrara. Berlusconi il 27 si è riaffacciato alla finestra, prendendo spunto da una sua condanna al Tribunale di Milano, per attaccare duramente la Giustizia italiana ed il governo Monti, a cui ha minacciato di togliere la fiducia. Poi ha accusato la Germania di imporre all'Italia l'agenda politica; e, senza citarlo, il presidente Napolitano, affermando che non è più tempo di capi di governo a chiamata.
Come in tutte le tragedie che si rispettino, al secondo atto deve tener dietro quello finale, per svelare i misteri della rappresentazione. Forse lo spettacolo è mosso soltanto da quella regola che Indro Montanelli descriveva 60 anni fa: l'Italia è il perenne Paese dell'ipocrisia per fini personali. Insomma, la vecchia lezione del "particulare" di Guicciardini. Ma tutto quanto riguarda la vita dello Stato, non sono fatti loro, dei signori politici, ma pure fatti nostri. [Anno XXXI, n. 1101]

Antonio Montanari
(c) RIPRODUZIONE RISERVATA
"il Ponte", settimanale, n. 39, 04.11.2012, Rimini

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans il Ponte Rimini
commenter cet article

commentaires