Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog

Présentation

  • : Notizie dall'Italia
  • Notizie dall'Italia
  • : Storie, fatti e commenti a cura di Antonio Montanari
  • Contact

Giorno per giorno

Recherche

Archives

28 juillet 2008 1 28 /07 /juillet /2008 11:57
BrambillaturismoRimini come la Liguria. Ieri sul "Corriere della Sera", lo storico Sergio Luzzato ha parlato delle "devastazioni bipartisan" riferendosi appunto alla Liguria ed al libro che le denuncia, "Il partito del cemento" di Marco Preve e Ferruccio Sansa, ed. Chiarelettere.
Anche a Rimini ci sono (e ci sono state) "devastazioni bipartisan" , e c'è da sempre "il partito del cemento".

Adesso pensano addirittura di stravolgere il lungomare, mentre tutto il sistema ricettivo mostra le sue rughe. E cominciano a cadere a pezzi (nel vero senso della parola) i vecchi alberghi: è successo al tetto di un hotel in via Catania, a Rimini.

Un esperto spiega (in base ai primi dati disponibili) che alla fine della stagione non crescerà il fatturato e caleranno le presenze. Un altro tecnico del settore, che sinora era sempre stato ottimista, preannuncia una diminuzione di  presenze fra il 2,7 ed il 3,7 per cento, di fronte ad un calo generale dell'Italia del 5 o del 6.

A questo punto verrebbe da chiedersi che cosa ne dice l'on. Brambilla, sottosegretario al Turismo. Già il declassamento da ministero a sottosegretariato, non è stato un buon segno di indirizzo politico dimostrato dal governo. Poi la gentile signora non ha particolare competenza nel settore. Se comincia ad andar male il turismo romagnolo, ne derivano gravi conseguenze all'economia nazionale.

Davanti a questo scenario di crisi più o meno seria, a che cosa pensano gli amministratori di Rimini? A rifare il lungomare con dei progetti che sono stati di recente presentati a Rimini ed a Torino, ad un convegno di architetti. Sino ad oggi non è dato di sapere (come ho scritto su "LiberaRimini"), se quei progetti sono stati disegnati dopo studi geologici necessari in un territorio come Rimini, con particolare morfologia della costa e con storica sismicità.

Rimini è da sempre avvolta dai fumi dei sogni. Che una volta sono felliniani, ed un’altra travestimenti di pateracchi politici. Questi fumi non le fanno vedere dove poggia i piedi, in una materia in cui è fondamentale andare con i piedi di piombo e tenere i piedi medesimi ben piantati per terra.

Noi a Rimini siamo abituati a divagare. La città vuol darsi un volto nuovo sulla riva del mare, ma conserva il rudere di palazzo Lettimi dal 1944, per non dire del fantasma del teatro Galli. Tutto ciò potrebbe essere considerato come morboso attaccamento al passato. Forse si tratta soltanto di incapacità di leggere il presente.

Tornando al libro citato da Luzzatto ed alle «devastazioni bipartisan» della Liguria: dopo «rapalizzare» non per nulla nel 1988 (!) è nato «riminizzare».
Allora un ex federale del Pci, Nando Piccari, dichiarò: quel dizionario usa un termine di cui è evidente «la natura gratuita, falsa ed offensiva». E chiese al sindaco «di prendere provvedimenti». Fu la famosa “disfida di Burletta”.
Sulla quale pubblico questa pagina, tolta da un mio libro.

[Anno III, post n. 234 (611), © by Antonio Montanari 2008]

gruppobloggerlastampa

Partager cet article

Repost 0
Published by antonio montanari - dans Rimini
commenter cet article

commentaires